Home /Il Futuro sono le app e il mobile couponing

Il Futuro sono le app e il mobile couponing

Il mercato mobile è in crescita: così come le app il couponing per cellulari. Per il settimo anno consecutivo, è stato redatto il Report  “Mobile Marketing &Service: quando la strategia fa la differenza” dall’Osservatorio Mobile Marketing & Service del Politecnico di Milano. I dati di diffusione, penetrazione, tempo speso e rilevanza emersi confermano che la “Mobile transformation” non può più attendere: previsioni di 5,6 milioni di smartphones nel 2019, 60% del tempo speso sui social da mobile, un 1/3 delle ricerche su google effettuale da mobile. Giuliano Noci, Ordinario di Marketing  del Politecnico di Milano afferma che il mobile non può più essere approcciato solo dal mero punto di vista tecnico: bisogna integrare il mobile nelle strategie aziendali, e servono  nuovi processi di mappatura del customer journey per tracciare le esperienze mediali dell’individuo e qualificarle in termini di multitasking, viralità ecc…

Web responsive e web App

Web responsive e web App

Secondo un interessante articolo di Antonella Pezzarossa pubblicato su Digital Coach, il Responsabile della Ricerca Andrea Boaretto  ha dichiarato che “il 55% dei mobile surfer dichiara di cercare attivamente promozioni e il 54 % di confrontare i prezzi su mobile. Non solo: il 76% degli utenti si dichiara favorevole a ricevere coupon sul proprio mobile”. Il primo vero trend di quest’anno per il mobile, quindi, sembra essere  il coupon!

Altro Punto Cruciale toccato e analizzato dalla ricerca è stato il Mobile Advertising. Marta Valsecchi, Responsabile della Ricerca  insieme a Boaretto, ha annunciato che, dopo un primo slancio nel 2011 e la crescita del 55% nel 2012 (per un valore di circa 90 milioni di euro), nel 2013 c’è stato il salto tanto atteso: il mercato del mobile advertising è cresciuto del 129% arrivando a 204 milioni di euro stimati nel 2013. Il mobile advertising rappresenta il 10% dell’internet advertising e il display advertising rappresenta il 57% del totale e che la crescita principale è stata registrata dal “keyword advertising”.

Google e Facebook rappresentano il 70% del totale fatturato nel 2013. Scende infine la percentuale di utenti che “clicca” sulla pubblicità mobile per errore (15% contro il 26% dell’anno precedente ), mentre chi sceglie di cliccare dichiara di farlo perché interessato al prodotto, servizio, sito o App veicolato,  o indotto da sconti  premi, giochi. La trasformazione Mobile delle abitudini dei consumatori impone ad un numero sempre maggiore di aziende un ridisegno completo dei punti di contatto con il cliente, dal punto vendita, ai canali promozionali, ai mezzi pubblicitari. E all’interno di tale ridisegno il Mobile gioca un ruolo chiave per la sua pervasività sia in termini di diffusione, sia di contesti e momenti d’uso (è l’unico device sempre con noi), ma soprattutto per la sua capacità di potenziare gli altri mezzi – ha affermato sempre  Giuliano Noci, responsabile scientifico dell’Osservatorio Mobile Marketing & Service del Politecnico di Milano.

Le App e il Mobile sono il futuro…ecco perché Leader Mobile conviene!