Home /Mobile advertising: ancora dati interessanti per l’Italia e in Europa

Mobile advertising: ancora dati interessanti per l’Italia e in Europa

Grande attenzione alle opportunità offerte dal segmento Mobile

Grande attenzione alle opportunità offerte dal segmento Mobile

Mobile advertising: ancora dati interessanti per l’Italia e in Europa. Questa volta è IAB Italia a presentarli in seguito ad un’ indagine svolta da IAB Europa in Francia, Germania, Italia, Spagna e Regno Unito. Secondo la ricerca, infatti, per le imprese nel nostro Paese il canale mobile usato per promozioni e pubblicità è uno strumento sempre più cruciale, da conoscere e utilizzare, in grado di attrarre nuovi budget.

Una fotografia entusiasmante che esprime la concreta consapevolezza dell’efficacia del mobile da parte delle Pmi e del fatto che esso è ormai diventato parte integrante delle proposte commerciali ( pe il 70% degli intervistati della ricerca).

Sempre secondo IAB, Il 55% degli investimenti su mobile infatti proviene da investimenti che negli anni passati erano destinati ad altri media e ben il 30% è invece rappresentato da nuovi budget, stanziati appositamente per questo segmento.

È infine soprattutto la mobile privacy l’aspetto che il 47% degli intervistati vorrebbe approfondire, seguito dalla pianificazione su Mobile con il 41% e dalla Brand Safety con il 35%.

Riportiamo le parole del Vice Presidente IAB Italia Michele Marzan: “Il Mobile ha fatto registrare negli ultimi anni ottime performance. Insieme al Programmatic e al Video è certamente uno dei trend trainanti di tutto il nostro comparto. Allo stesso tempo, però, la ricerca ha evidenziato l’esistenza di barriere da superare: prima fra tutte la scarsa comprensione dei vantaggi del mobile Adv da parte del cliente, seguita da una mancanza di integrazione nelle campagne a più ampio spettro e soprattutto di sistemi chiari di misurazione. Come Associazione il nostro compito è quello di supportare tutta la Industry con attività di formazione mirate e di lavorare insieme a tutti gli stakeholder nella definizione di metriche standard per la misurazione dei risultati. I dati sono sicuramente incoraggianti ed è quindi importante continuare a valorizzare questo segmento”.

(Dati Iab Italia)